Precoce primavera                                                                                                              
   Si era destata in anticipo
quella primavera acerba
musicata dal ronzio delle api:
un dolce balletto sabbatico
aveva invaso il mandorlo in fiore.
Già pregustai quel miele,
frutto della danza delle api
volubili ballerine,
inquiete amanti
di uno, dieci, cento fiori,
che corteggiavano mille petali
impollinandone altrettanti.
Quel mandorlo,
precursore della bella stagione                                                                                                                                                                                                   (Ophrys apifera)
incoraggiò ogni fiore
ad aprirsi fiducioso
al primo raggio di sole.
   Nacquero così
i frutti del nostro amore
che maturarono nei decenni
e li gustiamo ancora con calore.
                                  Gilly-sur-Isère, 18 febbraio 2021