p.M. (*)
 
Insegui da sempre
sottili confluenze
contigue e distanti
di gente perdente,
 
curando il mondo
da mali perenni,
cullando il mondo
con balie ventenni,
 
placando il bisogno
degli ultimi vinti,
regalando il sogno
di una vita dipinta.
 
A coloro che contano
di conoscerti a fondo
sfugge un profilo segreto,
l'altro lato fecondo.
 
Vai vagando inquieto
per percorsi mal noti
sulle orme di vite
misteriose e appartate.
 
Misuri ogni landa
con passo sicuro
dando nome alle erbe
e certezza al tratturo.
 
Navighi immerso
nello scintillio di colori
che illumina i campi,
ne distilli gli odori.
 
Ti perdi ogni giorno
nei meandri di un fiore
ce ne sveli il contorno
di vita, tormento e colore.
 
E la gioia di scrutare
diventa gusto e sapore,
avventura il nostro vagare,
avvolta di raro candore.
 
Genova, dicembre 2009
(*) AGOSTINO BARLETTA, Esistenze,  VITALE EDIZIONI, 2019, SANREMO