Agostino Barletta..................................................POESIE
Mele cotogne
 
Vi osservo curioso
gialle solari e pesanti
tramutare con forza ogni ramo
in piccola altalena volante.
 
Figlie di minuscoli semi viaggianti,
dono di amici antichi,
piccoli germogli preziosi
che crebbero, nutriti d' affetto,
in un magico giardino incantato
fino a stabilirsi nel nostro campo.
 
E posso accarezzare ora
il vostro giallo vellutato
che si trasformera'
in conserva saporita,
dolce favorito
di un amico spezzato,
da un colpo solo della sorte:
il suo ricordo vi donera' sapore
ben oltre la morte.
 
Genova, 26 settembre 2015