Mamma Elba
 
Baie di mamma Elba
dolce soste del mare
varchi dentro alla macchia
colma di specie rare,
giovane macchia antica,
padrona delle mie suole,
ti conquistero’ a fatica
gustando il tuo sapore.
 
Seni di mamma Elba,
isola tra le isole,
che coccola come pulcini,
in questo mare Parco,
ma ricco di delfini,
che fece rivivere i romiti
ornandoli di aromi
e labirinti fioriti,
come Santa Caterina
regno del Ballini
che sa incantar le api
e farne delle regine.
 
Incubo di mamma Elba
isola del mio dolore
penetrato nel profondo
di un mare senza calore,
un tonfo all’improvviso
tra irrealta’ e stupore
che muto’ il mio sorriso
in ghigno premonitore.
 
Sogno di mamma Elba
che scivola sui sentieri
che circondano i versanti
con mille viste a mare
e conservano le tracce
di tanti antichi passi
di fatiche e di sudore
sputato su questi massi.
 
Saranno questi ricordi
impregnati di natura
a vincere sui sordi
affamati di lordura
e invaghiti dal cemento ?
Saranno queste memorie
a risvegliare il vento
per riscrivere la storia
di quest’angolo di mondo
e farci sognare ancora 
un’ Elba a seno tondo ?
Isola d’ Elba, giugno 2014