La prossima volta…
 
Nascere in campagna
tra Toscana e Spagna
ed esplorar sentieri
ad occhi socchiusi,
giocando allo stagnino
con nonno Marcellino,
correndo a costruire tini
anche con zio Carlino.
 
E proseguire l’avventura
nel maggio della lotta dura,
scorazzando sui treni
in un vortice senza freni,
tra battaglie ambientaliste
ed esplorazioni mai viste.
 
Ma per cambiar la terra
manca un’altra guerra,
quella per i bambini,
i più deboli, i più piccini:
si comincia col cantarli
e si prosegue a contarli,
e la storia non è finita,
ci vorrebbe una terza vita
per narrare le precedenti
con versi nuovi e splendenti.
 
Fontona, novembre 2014