Agostino Barletta..................................................POESIE
Cenno di lunaCenno di luna.JPG (427003 byte)
 
   Un cenno di luna soffusa
a levante
appena rischiara
il dorso gibboso del Monte,
la prima lampara
ha gettato le reti
in un mare di marmo, (*)
una quieta indolenza
lentamente mi assale
e conquista le membra.
   Le  possenti pendici del Beigua
piantano fondamenta
nel mare di Voltri
e proteggono i paesi
a ponente.
   Di abbracciare
mi illudo in un solo sguardo
il regno della mia gente.
Quest’ orizzonte senza confini
che inquieta valligiani e contadini,
questa pace senza amanti
sconosciuta a pescatori e naviganti.
Confidenza hanno altrimenti
con fame, tragedie e stenti.
   Un lampo improvviso
filtra
millenni di liguri esistenze,
sofferte e dolorose,
antichi fantasmi,
aleggianti sul mare,
tra sogno e veglia,
in questo confuso leggero fluttuare.
 
Genova, novembre 2003
(*) Versi pubblicati in: PORTOFINO, il taccuino del monte, di L.Carcano, M. Calbi, ULTIMA SPIAGGIA, 2019